)+( Cristalli Azzurri )+(

Chakra: Quinto, Vishuddha o "Gola"

Segno zodiacale: Vergine, Gemelli, Acquario

Elemento: Etere, "suono"

Colore: Blu, Azzurro, Turchese, Celeste

Sede fisica: Gola, Collo (funzioni respiratorie, voce)

Pianeta: Nettuno e Mercurio

 

Sodalite - La pietra della Percezione

 

Figlia della percezione, la Sodalite genera il desiderio di conoscenza e porta coscienza.

Amorevole, protettrice simboleggia il Pensiero dell'Universo.

Organizza l'energia fluida in pensiero concreto: organizza, costruisce, edifica ciò che prima era solo un desiderio vago.

La funzione della Sodalite è quella di stabilizzare il flusso disordinato in un ritmo equilibrato, e l'energia confusa diviene così una Voce interiore chiara e obiettiva.

Grazie agli effetti di questa pietra sacra, il nostro pensiero acquisisce una maggiore profondità e riusciamo a vedere le cose con maggiore obiettività, ad acquisire una profonda visione della realtà e una capacità di comprendere intimamente la natura di ciò a cui stiamo pensando.

La creatività di questa Voce è inesauribile, dato che la sua logica proviene dalle ricchezze del nostro inconscio.

Essa ci spiega tutto ciò che ci risulta confuso, caotico o incomprensibile.

 

"La Sodalite dona solidità e chiarezza mentale".

 

Con l'aiuto della Sodalite la Voce interiore inizia ad agire e a guidarci, permettendoci di esprimere con obiettività e sicurezza tutto ciò che sentiamo o pensiamo.

 

Il Pianeta dominante della Sodalite è Nettuno, dio dei mari e simbolo dell'inconscio.

 

Secondo i pagani, Nettuno governava il suo impero con una calma imperturbabile.

Dalla profondità del mare, dove dimorava, sapeva tutto ciò che accadeva in superficie..rappresenta la parte più intima del nostro Sé, sotto un'apparenza di onde e di tempeste incontrollate come gli impulsi dell'inconscio.

Nettuno, con la sua intelligenza mette ordine al caos.

Il rumore del mare, la sua misteriosa profondità, il suo potere e la sua violenza ha reso Nettuno temibile.

Lungo tutte le coste si ergevano bei templi consacrati a Nettuno che proteggevano i naviganti.

 

Turchese - La pietra dell'Aldilà

 

Deve al rame la sua tipica colorazione.

E' quasi sempre opaca e può essere di un azzurro uniforme (la qualità più preziosa) o contenere venature brune o nere.

In Egitto questo minerale era considerato il simbolo dell'Aldilà e dell'Universo.

Il Turchese è il simbolo della presenza divina sulla terra.

E' quindi una pietra che stimola pensieri elevati, che libera l'anima dalla schiavitù dei sensi aprendole spiragli di luce provenienti dal cielo.

Facilita il rilassamento mentale e fisico, promuovendo nel contempo il gusto del bello e del sublime.

Aiuta a liberarsi dagli stimoli negativi e dal senso di oppressione.

 

E' una pietra da indossare soprattutto quando dobbiamo convivere con persone opprimenti, pessimiste, che mostrano uno spiccato egocentrismo negativo.

 

"La sua struttura porosa la mette in relazione con i polmoni, sui quali svolge un'azione fortemente purificante e promotrice dell'ossigenazione del sangue".

 

Più in generale il Turchese svolge un ruolo di tonico, rigeneratore e ricostituente.

Se ne consiglia l'uso alle persone deperite, anoressiche, malinconiche.

Quando indossato, questo minerale, previene o riduce il mal di testa, le febbri di varia natura, fortifica gli occhi e accellera i processi di guarigione.

Nell'ayurveda il Turchese (Peroja) è utile per trattare le malattie del cuore e degli occhi, per promuovere la forza e l'attività delle cellule cerebrali.

 

"In campo magico è da sempre adoperato come amuleto portafortuna e come scudo anti-malocchio".

 

I suoi cambiamenti di colore sono considerati come segni importanti da non sottovalutare.

Se, per esempio, un Turchese sbiadisce improvvisamente, c'è un pericolo in arrrivo.

Se tende ad una colorazione nerastra può essere indice di problemi sentimentali o di tradimento.

Se presenta forti sfumature verdastre siamo noi stessi a 'comportarci male' dimostrando eccessiva auto-indulgenza ed è comunque un chiaro segnale di controllare l'alimentazione.

 

"Il Turchese è la pietra sacra delle tribù degli Indiani d'America".

 

E' inoltre, una pietra protettiva della voce.

Protegge il nostro campo energetico ed esalta le vibrazioni positive.

Risveglia il senso del bello e dell'armonia.

Protegge gli oratori e conferisce forza alle loro parole.

 

Lapislazzuli - La pietra del Divino

 

Il nome Lapislazzuli è composto dalla parola latina "Lapis" che significa pietra e dalla parola persiana "Lazward" , blu.

Questa gemma trae origine da un insieme di minerali tra i quali spiccano la Lazurite, la Calcite e la Pirite.

 

E' una delle più antiche gemme di cui si conosce traccia.

 

I popoli Mesopotamici la consideravano il simbolo della divinità.

Il suo intenso colore blu e le pagliuzze dorate diffuse sulla sua superficie donano l'immagine di un cielo stellato, di un meraviglioso spazio cosmico.

E' la pietra che pone l'uomo in comunione con l'universo, che favorisce l'integrazione, che eleva l'essere umano sopra la dimensione materiale.

Il Lapislazzuli ci offre l'opportunità di catalizzare le energie siderali armonizzando il nostro microcosmo al macrocosmo.

Sul piano fisico si dimostra un potente ricostituente mentale in grado di stimolare le capacità intuitive, il senso di giustizia e di equità.

Viene adoperato per combattere allergie di ogni genere, l'asma e gli eczemi.

Agisce prontamente sul sistema respiratorio 'estinguendo' le infiammazioni, soprattutto quelle alla gola.

Come stimolatore del 5° chakra esercita anche un'azione attivante della tiroide.

 

E' utile come antiinfiammatorio e antipiretico.

 

Nella tradizione ayurvedica (Raja Varta) viene adoperato come ringiovanente, per il trattamento dell'asma, della tubercolosi e dei disturbi all'apparato urinario.

 

"In campo esoterico viene applicato al Terzo Occhio allo scopo di ampliare il campo visivo spirituale e la consapevolezza".

 

E' anche un ottimo amuleto che favorisce la benevolenza degli astri mitigandone gli aspetti ed i transiti negativi.

 

Acquamarina - La pietra della Chiarezza

 

Questo cristallo esagonale di forma allungata appartiene alla famiglia dei Berilli.

Il suo colore spazia dal verde-azzurro al colore dell'acqua trasparente sino all'azzurro più intenso.

La sua azione terapeutica è molto efficace e si esplica soprattutto sulle emozioni e sui sentimenti, favorendo inoltre il rilassamento, la chiarezza e facilitando l'auto-espressione.

Le sue vibrazioni svolgono un effetto calmante sulle vie respiratorie in particolare sul tratto che dalla bocca porta ai bronchi, favorendo la risoluzione di disturbi quali riniti, laringiti, faringiti, tonsilliti.

Viene inoltre consigliata in caso di infezioni delle gengive e del cavo orale.

Da un punto di vista caratteriale può essere utile a chi soffre di timidezza, disturbi quali balbuzie, eccesso di salivazione, soffocamento emotivo.

 

In questi casi si agisce indossando un cristallo di Acquamarina all'altezza del 5° Chakra.

 

"Si può usare per fare chiarezza su una determinata situazione o come amuleto protettivo da portare con se durante i viaggi via mare e in tutte le esperienze a contatto con l'acqua".

 

La Danza della Curandera )+(

https://www.facebook.com/notes/la-danza-della-curandera-/-i-cristalli-azzurri-/